La carbonara è un primo piatto che conta solo 6 ingredienti ed è veloce da preparare. A dettare l’abbinamento sono il sapore del guanciale, delle uova e del pecorino. Il consiglio in questo caso è netto: ci vuole un vino bianco secco, fragrante e morbido come il Frascati Superiore. In alternativa, sono ottimi anche il Verdicchio di Matelica marchigiano e le versioni meno fruttate e più verticali di Ribolla Gialla friulana. Ecco la ricetta spiegata passo per passo per piatti “abbondanti” e 4 etichette da provare in abbinamento.

  • 1) Frascati Superiore di Casale Marchese (Frascati – Roma), prezzo medio 8 euro
  • 2) Frascati Superiore Abelos della cantina De Sanctis (Frascati – Roma), prezzo medio 11 euro
  • 3) Frascati Superiore Vigna di Santa Teresa della cantina Fontana Candida (Monteporzio Catone – Roma), prezzo medio 13 euro
  • 4) Frascati Superiore Poggio Verde della cantina Terre dei Pallavicini (Colonna – Roma), prezzo medio 10 euro
Clicca sulla foto per ingrandire l’immagine

La ricetta
ingredienti per 4 persone
400 gr di spaghetti, 180 gr di guanciale, 120 gr pecorino romano, 4 tuorli, 1 uovo intero, pepe nero q.b., sale q.b.

  • Il condimento è semplice e molto veloce da realizzare. Quindi, si preparerà nel tempo di cottura della pasta.
  • Innanzitutto, mettere a bollire dell’acqua in una pentola.
  • Prendere il guanciale e tagliarlo a listarelle o dadini.
  • Cuocere il guanciale in una padella antiaderente, senza aggiunta di olio, fino a quando sarà completamente rosolato.
  • Togliere dal fuoco e lasciare intiepidire il guanciale.
  • In una ciotola, sbattere i tuorli di quattro uova e un uovo intero (albume e tuorlo) con una frusta.
  • Unire il pecorino e il pepe nero mescolando fino ad ottenere un composto omogeneo ed aggiungere il guanciale.
  • Quando l’acqua bolle, salare e versare la pasta.
  • Scolare la pasta leggermente al dente e versarla direttamente nella ciotola insieme al condimento.
  • Amalgamare bene gli spaghetti con il condimento, girandoli nella ciotola per un minuto. Sarà il calore della pasta a cuocere le uova, che manterranno così la giusta cremosità.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *