Abbinamento vino e pesce. L’infografica e le etichette scelte dalla redazione

Quali sono i vini da abbinare ai piatti di pesce? Quante volte ti è capitato di pensare a un menù ittico e non sapere cosa versare nel calice? Si dice che i bianchi siano sempre perfetti. Ma non è poi così scontato. Infatti, molto dipende dal tipo di condimento utilizzato. Inoltre, sono sempre di più gli esperti del settore enogastronomico che scelgono di rompere, per così dire, gli schemi, abbinando rosé e rossi ai piatti di mare. E non solo bianchi freschi e leggeri o bollicine, che rappresentano il grande classico.

Quali sono i vini da abbinare ai piatti di pesce? le etichette scelte per ogni portata

Baccalà pomodori e olive

Per l’abbinamento si presta bene un vino rosso giovane, fruttato con note speziate e sentori salmastri, dal tannino morbido. Ottimi i vini campani come l’Ischia Rosso. Sono perfetti per accompagnare questo piatto anche il Rossese di Dolceacqua prodotto in Liguria, il Gamay della Valle d’Aosta, il Malbec Lison Pramaggiore. Gli amanti dei vini rosati potranno servire in accompagnamento un Costa d’Amalfi, un Cerasuolo d’Abruzzo o un Primitivo rosé.

  • Campania – Ischia Rosso Vigne di Janno Piro da uve Piedirosso e Guarnaccia, prodotto dalla cantina Pietratorcia di Forio (Napoli) prezzo medio 13,50 euro.
  • Valle d’Aosta – Valle d’Aosta Gamay da uve 100% Gamay, prodotto dalla cantina La Crotta di Vegneron di Chambave (Aosta) prezzo medio 10 euro.
  • Liguria – Rossese di Dolceacqua da uve 100% Rossese, prodotto dalla cantina Maccario Dringenberg di San Biagio della Cima (Imperia) prezzo medio 15 euro.
  • Abruzzo – Cerasuolo d’Abruzzo da uve 100% Montepulciano, prodotto dalla cantina Costantini di Città Sant’Angelo (Pescara) prezzo medio 9 euro.
  • Campania – Costa d’Amalfi Tramonti Getis da uve Piedirosso e Tintore, prodotto dalla cantina Reale di Tramonti (Salerno) prezzo medio 15 euro.
  • Puglia – Spumante Rosé Brut A biologico metodo Charmat da uve Primitivo, prodotto dalla cantina Polvanera di Gioia del Colle (Bari) prezzo medio 10 euro.

Impepata di cozze

Per l’abbinamento si possono scegliere vini da tutta Italia. Per esempio, gli amanti del Sud possono provare la Falanghina e il Biancolella campani o il Catarratto siciliano. Le regioni del nord offrono grande varietà. Ad esempio, il Gewürztraminer altoatesino, il Curtefranca lombardo fino ai vini friulani a base di Chardonnay e Ribolla Gialla.

  • Friuli Venezia Giulia – Sharis delle Venezie IGT cantina Livio Felluga (Brazzano – Cormons – Gorizia), prezzo medio 12 euro.
  • Alto Adige – Elena Walch Gewürztraminer Alto Adige DOC cantina Elena Walch (Tramin – Termeno- Alto Adige), prezzo medio 15 euro.
  • Lombardia – Lèant Curtefranca Bianco DOC Bio cantina Ronco Calino (Adro – Brescia) prezzo medio 16 euro.
  • Campania – Serrocielo Falanghina Sannio DOC cantina Feudi di San Gregorio (Sorbo Serpico – Avellino) prezzo medio 11 euro.
  • Campania – Frassitelli Biancolella Ischia DOC cantina Casa D’Ambra (Isola d’Ischia – Napoli) prezzo medio 16 euro.
  • Sicilia – Vigna di Mandranova Catarratto Sicilia DOC Bio cantina Alessandro di Camporeale (Camporeale – Palermo) prezzo medio 19 euro.

Spaghetti alle vongole

Facilissimi da trovare anche al supermercato gli Chardonnay o i Sauvignon del Collio. Se si vuole provare un’accoppiata perfetta con i vini da vitigni tradizionali, il consiglio è di scegliere un Soave e un Verdicchio dei Castelli di Jesi. Se le vongole sono veraci si possono scegliere anche Vermentino di Sardegna e Greco di Tufo (scopri di più nell’articolo Guida al Greco di Tufo, grande bianco campano da pesce).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − diciassette =