I vini più interessanti per rapporto qualità-prezzo vengono da 17 paesi del mondo e sono prodotti con 30 vitigni diversi. A selezionarli è Wine Enthusiast che ha stilato la classifica Best of the Year 2016 creando così una “carta dei vini” sotto i 15 dollari emozionanti e dallo stile non convenzionale. L’Italia conquista il sesto posto con un bianco siciliano: Stemmari 2015 Grillo prodotto con l’omonimo vitigno autoctono, vinificato in purezza, ad Acate in provincia di Ragusa. Il prezzo? 10 dollari. Nella top 100 entra anche uno spumante veneto metodo ancestrale da uve Glera, Verdiso e Bianchetta a 15 dollari: il Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Fondamentale R.ive Z.ulle 2013 di Marchiori (29° posto). Il Nord-Est convince anche per un’altra interpretazione del Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG a 15 dollari dell’azienda veneta Drusian, prodotto da uve Glera in purezza (69° posto) e il Collio Sauvignon DOC 2013 della cantina Ronco Blanchis in Friuli Venezia Giulia (82° posto) anche questo a 15 dollari. Il Centro Italia ha due referenze (che concludono la presenza del Bel Paese in classifica) il Verdicchio di Matelica DOC Vigneti del Cerro 2015 a 14 dollari, prodotto da Belisario nelle Marche (92° posto) e il Maremma Toscana Sangiovese DOC Cerida 2014 a 14 dollari, prodotto della cantina Pepi Lignana in Toscana (96° posto).

I vigneti e la Cantina Stemmari. A destra, il Grillo 2015 prodotto con l’omonimo vitigno autoctono, vinificato in purezza, ad Acate in provincia di Ragusa

Nei primi 10 posti non figura la Francia, che posiziona la prima etichetta alla ventesima posizione: Les Hauts de Lagarde 2015 Made From Organically Grown Grapes (Bordeaux Blanc). L’America trionfa con tre referenze: Acrobat 2015 Pinot Gris (Oregon) al primo posto; Bota Box 2013 Nighthawk Black Red (California) al secondo e Columbia Crest 2013 Grand Estates Cabernet Sauvignon (Columbia Valley (WA) al settimo. Exploit anche del Portogallo che si aggiudica il terzo e quinto posto rispettivamente con Aveleda 2015 Quinta da Aveleda White (Vinho Verde) e DFJ Vinhos 2013 Paxis Red (Lisbona).

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *