Dal nord al sud Italia, ecco i 10 migliori terroir nel 2016 secondo Decanter. 1) In Piemonte, il vero archetipo del Barbaresco è ad Asili mentre 2) le più celebri vigne per il Barolo sono a Cannubi. 3) Cartizze in Veneto è il più prezioso cru nella patria del Prosecco.

Asili, Piemonte, vigneti di Barbaresco
Piemonte, Asili
Piemonte, Asili
Veneto, territorio Col-Vetoraz, Mont del Cartizze
Veneto, territorio Col-Vetoraz, Mont del Cartizze
Toscana, le colline del Chianti
Toscana, le colline del Chianti

4) Rosazzo in Friuli-Venezia Giulia è da tempo considerato la migliore area per i vitigni Ribolla Gialla, Picolit e Friulano. 5) In Toscana, Panzano nel Chianti Classico ha il suolo prediletto dal Sangiovese, mentre 6) Sesta è unica tra le sottozone di Montalcino. Doppio riconoscimento anche per la Campania: 7) i buoni Fiano sono prodotti in tutta la regione ma i migliori sono prodotti a Lapio, Montefredane e Summonte, mentre l’area di 8) Tufo è rinomata per il Greco. 9) Il Vulture è un vulcano spento in Basilicata dove il vitigno Aglianico raggiunge le vette dei grandi Barolo e Brunello. 10) I vini Etna Rosso ed Etna bianco, prodotti sull’ Etna in Sicilia, con i vitigni Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio e Carricante sono i due vini italiani più celebri del momento.

Basilicata, Vulture. I vigneti della Cantina di Venosa
Basilicata, Vulture. I vigneti della Cantina di Venosa
Sicilia, Etna, vigneti terrazzati. foto di Etna Wine lab
Sicilia, Etna, vigneti terrazzati. foto di Etna Wine Lab

 

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *