I vini più interessanti del mondo sono australiani e prodotti con il vitigno Riesling. A decretarlo è la prima tranche di degustazioni del concorso International Wine Challange 2017 di Londra. Le analisi, come sempre, sono state condotte alla cieca, ed è per questo che gli appassionati ritengono molto validi i risultati della competizione. Tanto che in Inghilterra c’è il fenomeno natalizio dell’attesa dei medagliati prima degli acquisti delle feste. La seconda tranche si terrà in primavera e potrebbe anche riservare delle sorprese.

Il Riesling Pikes Traditionale della cantina Pikes Vintners a Sevenhill in Australia del sud

In totale, l’Australia porta a casa 27 ori: 7 in più della Francia e 16 in più dell’Italia (scopri gli 11 vini italiani sul podio). Per un’analisi più specifica, però, bisognerebbe valutare i risultati in base al numero di etichette in concorso pervenute da ogni paese. Il più premiato è stato, in ogni caso, il produttore australiano De Bortoli (4 ori, 5 argenti e 7 bronzi). Le tipologie di vino che hanno conquistato il parere positivo dei critici sono molto varie e vanno dai classici vini fermi secchi, ai vini fortificati (con aggiunta di alcol tipo il Marsala) fino ai vini dolci muffati (sul vitigno è presente una muffa nobile, la Botrytis cinerea, che richiede condizioni climatiche molto particolari. La muffa conferisce al vino un quid in più a livello di aromi e profumi).

Australia, King Valley, i vigneti della cantina De Bortoli
Australia, King Valley, i vigneti della cantina De Bortoli

Tra i Riesling più convincenti sono emersi l’Ein Riese 2015 di Mr. Riggs; il Gatt High Eden 2010 di Gatt Wines; il Pikes Traditionale 2016 di Pikes Vintners; il Rag & Bone Eden Valley 2016 di Magpie Estate e il Clare Valley 2016 di Pikes. Tutti vini bianchi fermi e secchi.

Il produttore De Bortoli, invece, ha convinto con le sue interpretazioni del vitigno Sémillon: dai vini botritizzati Deen VAT Series No 5 Botrytis Semillon 2013 e Noble One 2014, al fortificato Black Noble NV prodotto. Premiato anche un rosso da uve Cabernet Sauvignon: il Melba Reserve 2013.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *