Oltre 900 vini in degustazione prodotti da 250 cantine da tutta Italia. E poi speciali masterclass guidate dai più grandi esperti del settore e un focus dedicato allo Champagne. È Bottiglie Aperte, il wine show ideato da Federico Gordini, dedicato agli appassionati, agli addetti ai lavori e alla stampa nazionale e internazionale. Si tratta dell’evento di punta della Milano Wine Week, che debutta quest’anno con la prima edizioneL’appuntamento è a Milano il 7 e l’8 ottobre 2018. La location scelta per la kermesse è il Superstudio Più di via Tortona, con una superficie espositiva di circa 2500 mq, che cresce del 40%, rispetto alla passata edizione.

Perché partecipare

  1. Per degustare oltre 900 vini di cantine celebri e realtà indipendenti meno conosciute e di grande qualità.
  2. Per il ricco programma di verticali e masterclass, alla scoperta degli Champagne Marguerite Guyot e Jeeper. E poi la verticale dedicata al Chianti Classico Riserva Querciabella guidata da Daniele Cernilli. Inoltre, la degustazione de I Trentodoc e i vini bianchi di Moser con Luciano Ferraro. Ed infine, la verticale I’Rennero Gualdo del Re guidata da Andrea Grignaffini.
  3. Inoltre, sono previste delle “isole” pensate per Consorzi e Gruppi del settore, dalle Donne del Vino fino ai Vini Naturali. Inoltre, è presente uno spazio Food con i cooking-show ininterrotti della brigata dello Chef stellato Paolo Cappuccio.

Come partecipare

Dove: Milano – Superstudio Più, via Tortona 27.
Quando: domenica 7 e lunedì 8 ottobre 2018.
Costo ingresso visitatori: 40 euro al giorno, oppure 65 euro con biglietto cumulativo per entrambi i giorni. Comprende calice e assaggi liberi dei vini presso i banchi delle cantine. Costo di ogni masterclass 25 euro (è necessaria la prenotazione).
Sconti: ingresso gratuito per operatori e stampa gratuito previa registrazione. 30 euro per Sommelier tesserati o appartenenti alle associazioni del mondo del vino e categorie protette.
Orario di apertura: dalle ore 11.00 alle 19.30.
Informazioni: www.bottiglieaperte.it

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *